Senza categoria

Bros’ a Lecce: 1350 € per cenare nel peggior ristorante stellato di sempre

bros’-a-lecce:-1350-e-per-cenare-nel-peggior-ristorante-stellato-di-sempre

Al grido di “abbiamo mangiato nel peggior ristorante stellato di sempre”, Geraldine DeRuiter ha stroncato Bros’, il ristorante di Floriano Pellegrino e Isabella Potì che per primo ha portato a Lecce la stella Michelin.

La blogger di Seattle era in vacanza con marito e amici, e si è fermata a mangiare da Bros’.

La cena da 27 portate durata 4 ore e mezzo è diventata oggetto di una recensione negativa divertentissima, ma anche sprezzante cattiveria tendente perfidia, che ha spopolato negli ultimi giorni con echi planetari.

Bros’: chi ha ragione sul ristorante di Lecce?

Ristorante Bros di Lecce, portata per due
Uno dei piatti portati al tavolo della blogger DeRuiter dal personale del ristorante Bros’ di Lecce durante la cena incriminata. Ph. Geraldine DeRuiter

Il mondo reale si è divertito con questa cassaforte di delizie, meno quello dell’alta cucina, sprofondato nello psicodramma collettivo. 

L’eccentrica tribù degli intenditori si è chiesta se credere alla Guida Michelin, che di Bros ha lodato la creatività perché “sorretta da qualità”. 

O se invece non fosse il caso per una volta di uscire dal ghetto gourmet che racchiude talenti, entusiasmo, fuffa, gambling, soldi facili, botteghe artigiane, geni veri e cialtroni. E accreditare questa blogger sì irrilevante, ma pur sempre ripresa da critici influenti come Pete Wells del New York Times o Helen Rosner del New Yorker. Dalla trasmissione Today e dal Late show di Stephen Colbert.

Nel frattempo, anche il Washington Post si è fatto irretire dalla storia del Bros, e dalla stroncatura del ristorante di Lecce. Nell’intervista alla blogger di Seattle è emerso un dato mancante. 

Quanto sono costate alla feroce DeRuiter le quattro ore di degustazione tra i tavoli del locale, anzi in “un bunker sotterraneo dove faceva un caldo soffocante”, per saziarsi con “portate ridicole nel gusto e nell’aspetto” senza neanche riuscirci? 

Il prezzo pagato per la cena al ristorante Bros’ di Lecce è stato di 1.350 €. Cifra che divisa per 8, tanti erano i commensali presenti, fa 168,75 € a testa. 

La risposta di Floriano Pellegrino alla recensione negativa 

La prima pagina della risposta di Floriano Pellegrino alla recensione negativa della blogger di Seattle
La prima pagina della risposta di Floriano Pellegrino, chef del ristorante Bros’ di Lecce, alla recensione negativa della blogger di Seattle

Il saggio breve con cui Floriano Pellegrino ha risposto alla feroce stroncatura di DeRuitier contiene disegni di uomini a cavallo. 

“Il primo è semplice. Il secondo è il dipinto di Jacques-Louis David “Napoleone attraversa le Alpi”. Il terzo è un quadro astratto quasi irriconoscibile. Tanti possono fare il primo disegno, come tanti possono creare l’equivalente culinario”, ha scritto Floriano Pellegrino nella risposta. “Non è così difficile, ma pochi ti ammireranno”.

Solo i grandi cuochi che hanno studiato formandosi per anni possono fare “cibo spettacolare”, proprio come David dipinse Napoleone. 

“Il problema è che molti artisti hanno fatto dipinti simili. Ammiro la qualità. È ben fatto. Ma sono stufo di questi quadri spettacolari”, ha detto lo chef di Bros’, il ristorane di Lecce. “Il Louvre, il Prado e l’Hermitage sono pieni di queste cose. Sì, è impressionante, ma superficiale”. 

“Sono interessato alla cucina che equivale al terzo dipinto, quello astratto”, ha precisato Pellegrino. Un tipo di cucina che costringe chi la fa a “dubitare di tutto, compreso se stesso”. Solo così ci si pongono le grandi domande: “Cos’è l’arte? Cos’è il cibo? Che cos’è uno chef? Che cos’è un cliente? Cos’è il buon gusto? Cosa sembra bello?

In altre parole, lo chef ha posto una serie di domande partendo dal non negoziabile punto di vista di essere un artista che rivendica il diritto agli eccessi in cucina. 

Lasciamo stare, come ha fatto notare qualcuno, che nella lunga risposta dello chef ci sia scritto “boundery” invece di “boundary”. O che Pellegrino, più permaloso che colto da improvviso vuoto di memoria, abbia ringraziato l’illustre “signora XXX – non ricordo il suo nome –“ ribadendo l’irrilevanza di una piccola blogger.

Ristorante Bros a Lecce: la risposta alla risposta dello chef

Il gruppo della scrittrice di Seattle al ristorante Bros’ di Lecce
Geraldine DeRuiter, la blogger di Seattle che ha scritto la stroncatura, durante la cena al ristorante Bros’ di Lecce. Ph. Geraldine DeRuiter

Sul Washington Post DeRuitier ha riconosciuto che alcuni punti della risposta di Pellegrino sono validi: il cibo, come l’arte, dovrebbe sfidare le persone e, in una certa misura, metterle a disagio. 

“Ma parlando di cibo e locali, compreso il ristorante Bros di Lecce, non è solo una questione di arte, anche di  ospitalità”, ha detto la blogger al quotidiano americano. “È giusto proporre nuove esperienze? Assolutamente. Il cliente va sfidato? Assolutamente. Ma facendogli vivere un’esperienza spiacevole? Non credo proprio.”

Più tardi, in un nuovo post, la blogger ha completato il pensiero. 

Cucinare è un atto d’amore ma diventa business as usual se il cuoco, in una bancarella lungo la strada, oppure in un ristorante stellato come il Bros’ di Lecce, si disinteressa ai suoi clienti.

Se Floriano Pellegrino e Isabella Potì si preoccupassero più di quanto non facciano dei loro clienti, se oltre a talento, innovazione e abilità artistica ci mettessero un po’ di amore e umiltà, allora sarebbero straordinari. 

Limoniamo: un grande successo del ristorante Bros di Lecce 

Il dessert Limoniamo è persona dell’anno per la rivista Time
In uno dei meme più popolari girati su Twitter negli ultimi giorni, il dessert Limoniamo del ristorante Bros’ di Lecce è diventato persona dell’anno della rivista Time

In tutto questo a prendersi il centro della scena tanto da trasformarsi in meme sono state un dolce e il suo supporto (non perdete la storia di “Limoniamo” e del supporto che “permette di limonare con gli chef”).

  1. Il dolce Limoniamo, con una spuma di limone che esce da un contenitore e va gustato bocca contro bocca, senza posate. DeRuitier lo ha commentato ironica nella sua recensione ma lo ha soprattutto fotografato. L’immagine si è moltiplicata sui social e ha fatto il giro dei media specializzati e non.
  2. Il contenitore, ovvero lo stampo in gesso che contiene la spuma di Limoniamo. Richiestissimo e acquistabile in due modelli: con la forma della bocca di Fabiano Pellegrino o della bocca di Isabella Potì. Costo del calco 58 euro.

Opera d’arte o oggetto commerciale?

Arte o business as usual?

The post Bros’ a Lecce: 1350 € per cenare nel peggior ristorante stellato di sempre appeared first on Scatti di Gusto

Leave a Reply