ATTUALITA'

Italia all’aria aperta, va dove ti porta la sostenibilità

italia-all’aria-aperta,-va-dove-ti-porta-la-sostenibilita

Il Gambero Rosso ha lanciato la guida che raccoglie luoghi e paesaggi italiani d’eccezione con prodotti enogastronomici di qualità che accompagnano visite, viaggi ed escursioni

Il Gambero Rosso ha lanciato la guida che raccoglie luoghi e paesaggi italiani d’eccezione con prodotti enogastronomici di qualità che accompagnano visite, viaggi ed escursioni

Voglia di libertà, di aria libera e di verde. L’emergenza sanitaria ha cambiato le nostre priorità ma già negli ultimi anni il concetto di turismo verde si era ampliato con quelli di sostenibilità e responsabilità, con riferimento preciso a linee comportamentali che tutelassero il nostro patrimonio naturale, culturale e agroalimentare. Non solo quindi relax e divertimento a tutti i costi ma volontà di riscoprire l’autenticità dei luoghi, anche nell’accoglienza e a tavola, soprattutto dei nostri 25 parchi nazionali, dei due regionali in Friuli e nelle località Patrimonio Unesco, tutte aree che comprendono ben 400 comuni.

Va in questa direzione la nuova guida di Gambero Rosso,” Italia all’Aria Aperta”, realizzata in partnership con Enel Green Power e presentata al ministero delle Politiche Agricole e Forestali dalla sua curatrice Laura Mantovano, dal ministro del Mipaaf Stefano Patuanelli, da Carlo Tamburi, dg di Enel Italia, partner dell’iniziativa,  e da Paolo Cuccia presidente del network Gambero Rosso. Il volume intende comunicare e promuovere non solo luoghi e paesaggi straordinari, ma anche prodotti, mestieri e tradizioni alla scoperta di un’Italia poco nota, ma che ha tutte le caratteristiche per essere protagonista del turismo nazionale e internazionale.

La forza delle aziende

«Siamo in un Paese piccolo e bellissimo – ha detto Paolo Cuccia – ma con tante aziende e realtà medie e piccole che propongono tesori culturali ed enogastronomici, ma che non sono in grado di farsi conoscere. Il nostro impegno è creare valore a tutto questo. La sostenibilità deve essere non solo ambientale ma sociale. Noi che portiamo i prodotti italiani in 5 continenti dobbiamo promuoverli perchè molti palati non sono ancora abituati alla nostra biodiversità». 

Sostenibilità al centro

Per il ministro Stefano Patuanelli la sostenibilità ambientale, economica, e sociale devono andare di pari passo. «Questa guida – ha detto – evidenzia come la transizione ecologica rappresenti un’opportunità imperdibile di sviluppo per il nostro Paese. L’unico modo è quello di dare valore ai territori e alle tante produzioni di elevata qualità. In questo la divulgazione ha un ruolo importante ma non basta da sola. C’è bisogno di progetti, di tutele. L’impegno del Mipaaf prosegue lungo questa direzione, attraverso la nuova Politica Agricola Comunitaria e con il Pnrr, strumento che utilizzeremo come leva per la svolta green». 

Paolo Cuccia, Stefano Patuanelli, Carlo Tamburi Italia all'aria aperta, va dove ti porta la sostenibilità

Paolo Cuccia, Stefano Patuanelli, Carlo Tamburi

Il rilancio passa dalle materie prime

Per Carlo Tamburi, direttore Enel Italia la guida “Italia all’aria aperta” mette in luce vere e proprie ricchezze italiane che possono essere un motore per il rilancio dell’Italia in perfetta armonia con il percorso di transizione energetica che Enel sta guidando con il coinvolgimento delle comunità locali. «La sostenibilità – ha detto – è il filo che lega da sempre gli impianti di produzione di energia diffusi nel nostro Paese e le centrali che operano nei grandi parchi sono sempre più alimentate da fonti rinnovabili. Ma fondamentale è anche il comportamento dei cittadini. Insieme si può contribuire allo sviluppo del Paese nel suo complesso». 

La nuova frontiera dell’ecoturismo

Per gli operatori di ecoturismo e per chi sceglie questa formula è venuto il tempo delle conferme con una maggiore consapevolezza del nostro patrimonio in luoghi ricchi di storia, di tradizioni, di mestieri legati alla terra, di cibo e di vino. La Guida propone oltre 1.000 indirizzi dove mangiare, degustare e fare la spesa all’interno e nei pressi delle aree verdi italiane. È il risultato di un’attenta ricerca di insegne di valore in zone spesso ignorate dal turismo di massa

“Italia all’Aria Aperta” è il prodotto editoriale che segue a un lungo periodo di pandemia e di chiusure, che risponde al desiderio di tornare a girare in ambienti sani in mezzo alla natura. La realizzazione è stata possibile grazie anche al contributo dei direttori delle diverse aree verdi che raccontano i loro parchi e ne evidenziano le caratteristiche particolari a livello di biodiversità e di interesse floro-faunistico e ambientale. È acquistabile in edicola e in libreria.


Leave a Reply