Senza categoria

Il migliore babà contemporaneo è un affare tra questi 10 pasticcieri

il-migliore-baba-contemporaneo-e-un-affare-tra-questi-10-pasticcieri

Scoprire il migliore babà d’Italia e premiare il concetto contemporaneo. È l’obiettivo del contest Mille&UnBabà in programma a Napoli, lunedì 4 aprile, presso il Roof Garden del Grand Hotel Oriente. 

10 pasticcieri si sfideranno nella prima edizione del concorso proponendo la loro ricetta contemporanea. Vedremo babà rivisti nella forma, negli ingredienti, negli abbinamenti.

Il babà ha una storia ricca e piena di contaminazioni internazionali. Stanislao Leszczinski lo creò per il re polacco. Il nuovo dolce passò per la corte francese, ai tempi di Luigi XV. A Napoli arriva nel XVIII secolo. Merito dei monzù, i cuochi francesi al servizio delle famiglie aristocratiche. Si deve ai pasticcieri napoletani la semplificazione della ricetta arrivata ai giorni nostri.

I napoletani amano dire: “O babà nasce polacco, nuje l’avimme sulament’ migliorato”. E da questa affermazione nasce l’indagine sul migliore babà contemporaneo.

I 10 pasticcieri che concorrono per il migliore babà contemporaneo

Pasquale Pesce
Pasquale Pesce dalla cassata avellana al babà contemporaneo

Ecco chi sono i finalisti del concorso del migliore babà contemporaneo.

Luigi Avallone, titolare della Pasticceria Fratelli Avallone di Quarto.

Ciro Cascone, pasticcere presso la Pasticceria Donna Lucia Prisco di Ercolano.

Guglielmo Cavezza della Pasticceria Mommy Cafè di Cicciano.

Giuseppe Cristoforo, Pasticceria Dolce Voglia di Frattaminore.

Vincenzo Daloiso della Pasticceria Venezuela 1963 di Barletta.

Gianmaria Tommaso Monti della Pasticceria Monti di Priverno, in provincia di Latina.

Nicola Obliato della Pasticceria Mille Dolcezze di Frattamaggiore.

Pasquale Pesce, della Pasticceria Pesce di Avella.

Andrea Sacchetti della Pasticceria Nuovo Mondo di Prato.

Fabio Scozzafava, pastry chef del ristorante Felice di Lucca.

Criteri di valutazione, giuria e premi

Migliore babà contemporaneo
Sabatino Sirica e il suo babà tradizionale

Al vincitore per il migliore babà contemporaneo sarà assegnata una fornitura di farina Mulino Caputo, nella varietà Oro per lunghe lievitazioni. Oltre a un premio di mille euro. 

La valutazione prenderà in esame diversi elementi: estetica e presentazione, profumo. Ma anche gusto, colore, qualità degli ingredienti, morbidezza e alveolatura. 

La giuria del migliore babà contemporaneo è composta dai maestri pasticceri Sal De Riso e Sabatino Sirica e dallo chef stellato Gennaro Esposito. Antimo Caputo, Ad di Mulino Caputo, la presiede.

farina migliore per pizza

“Siamo, da sempre, estimatori delle specialità della nostra tradizione dolciaria, capaci di raccontare in maniera accattivante la storia del nostro paese. Allo stesso tempo, amiamo promuovere occasioni per rinnovare le ricette, adeguandole ai gusti attuali. Siamo certi che questo concorso sarà l’occasione per introdurre tante novità interessanti.” Così Antimo Caputo che ha presentato l’iniziativa.

The post Il migliore babà contemporaneo è un affare tra questi 10 pasticcieri appeared first on Scatti di Gusto

Leave a Reply