Business

Il 2022 sarà un anno di equilibrio tra domanda e offerta: Suhail Al Mazrouei

il-2022-sara-un-anno-di-equilibrio-tra-domanda-e-offerta:-suhail-al-mazrouei

ABU DHABI, 15 novembre 2021 (WAM) – Suhail bin Mohammed Al Mazrouei, ministro dell’Energia e delle Infrastrutture, ha affermato oggi che la scelta dell’Egitto e degli Emirati Arabi Uniti per ospitare la COP27 e la COP28, mostra l’apprezzamento del mondo per gli sforzi del cambiamento climatico e della rete zero emissioni nella regione araba, in particolare nei paesi produttori di petrolio, e in Medio Oriente.
Ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti sono un attore fondamentale negli sforzi globali per il clima e un centro globale per sostenere l’economia verde e la conversazione ambientale.
Ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti hanno piani e iniziative per il cambiamento climatico nazionale per raggiungere emissioni zero entro il 2050, rendendo il paese il primo paese del Medio Oriente e del Nord Africa a farlo.
Ha sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti hanno lavorato ripetutamente per migliorare la produttività di petrolio, gas e petrolchimico, nonché per ridurre le impronte di carbonio adottando l’intelligenza artificiale e tecnologie sostenibili come la cattura del carbonio e il suo utilizzo per aumentare la produzione di petrolio.
Ha sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti stanno lavorando per essere uno dei principali fornitori di energie future come energie rinnovabili, nucleari, idrocarburi e idrogeno.
Inoltre, Al Mazrouei, ha affermato che le fonti energetiche quest’anno hanno registrato una domanda massiccia, in particolare i combustibili fossili, a causa del ritorno alla normalità e del miglioramento dell’economia globale post-pandemia COVID-19.
Ha affermato che tutte le indicazioni indicano un surplus di offerta di petrolio nel primo trimestre del 2022 e che l’OPEC+ e i suoi alleati si atterranno ai piani per aumentare la produzione di petrolio di 400.000 barili al giorno (bpd).
Invita a ridurre il consumo di energia per evitare l’esaurimento delle fonti energetiche indicando che le tecnologie future svolgeranno un ruolo chiave per aiutare a risolvere il problema.
Ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti stanno lavorando per raggiungere la strategia energetica della nazione 2050 per ridurre l’impronta di carbonio del 70%.
Tradotto da: Hussein Abuel Ela.
http://wam.ae/en/details/1395302992900

Leave a Reply