ATTUALITA'

Abi Professional, fine mandato. Ma lo spirito associativo cresce

abi-professional,-fine-mandato.-ma-lo-spirito-associativo-cresce

Il Consiglio nazionale di Abi Professional termina il suo primo mandato dopo 4 anni, protratto a 5 a causa dell’emergenza Covid-19. Siamo pronti alle elezioni online per eleggere nel mese di maggio i nuovi 11 consiglieri che si occuperanno di portare avanti tutte le attività, con l’obiettivo di far crescere l’associazione.

Abi Professional, pur essendo giovane, è animata già da un forte spirito associativo

Abi Professional, pur essendo giovane, è animata già da un forte spirito associativo

In questi primi anni ci siamo impegnati, con le difficoltà tipiche di una giovane associazione, a costruire le fondamenta da un punto di vista organizzativo ed etico. Imparando sugli errori, abbiamo compreso come sia importante avere un Comitato esecutivo snello e più dinamico, composto da professionisti capaci e che abbiano tempo da dedicare ad un iter di valorizzazione e passione associativa, perseguendo i principi e le regole oltre l’aspetto etico e deontologico.

Abbiamo anche compreso come sia importante rinforzare e migliorare l’organigramma dei Coordinatori regionali, senza i quali non potremmo raggiungere gli obiettivi prefissati. È giusto dare importanza e autonomia al loro ruolo. Allo stesso modo abbiamo compreso come sia importante valorizzare le capacità e le iniziative dei singoli soci che hanno tanta voglia di realizzarsi professionalmente.

Sono stati anni importanti, anche per far capire quali sono i valori e i principi di Abi Professional. Tanto che alcuni soci con idee diverse sono usciti, ma molti altri sono entrati. Abbiamo il forte desiderio di creare un gruppo di validi professionisti, soprattutto giovani, che lavorino in modo coeso perseguendo le regole dettate da tanti anni di esperienza, anche in altre associazioni, per crescere tutti insieme, in amicizia, senza perseguire i propri interessi personali.

Probabilmente questo sarà il mio ultimo editoriale da presidente, non essendomi candidato. Colgo l’occasione per ringraziare tutti dell’impegno e del sostegno che mi è stato dato. Lascio la carica di presidente con una grande soddisfazione, che ho ricevuto proprio in quest’ultimo anno di Covid-19. Ho visto tantissimi soci, soprattutto giovani, e molte barlady professioniste impegnarsi ad organizzare per i propri gruppi attività molto interessanti, tra cui molte online.

Gli obiettivi raggiunti da una realtà giovane come Abi Professional

Ho visto e sto vedendo tanto entusiasmo, voglia di crescere, spirito collaborativo e tanta amicizia che non mi aspettavo. I problemi ci saranno sempre, ci impegneremo per risolverli. Ma rimango molto ottimista: lo spirito è quello giusto. Quando vedi tanti bartender che si danno una mano tra loro, è inevitabili. Collaborativi anche per il progetto Abi in Rosa, nonostante tutte le difficoltà della pandemia e della conseguente chiusura, raccogliendo fondi per la ricerca sul cancro. Quando vedi tante sezioni che organizzano concorsi online valorizzando l’operato dei soci. Quando vedi che tante nostre figure ottengono premi e riconoscimenti per la loro professionalità. Quando vedi un Centro Formazione didattico che lavora attivamente in gruppi elaborando testi didattici e altre interessanti attività tecniche per il perfezionamento del nostro lavoro. Quando vedi che molti soci, individualmente o in gruppo, hanno scritto libri sul mestiere, testimonianza di un gran lavoro, pronti per essere messi in stampa e diffusi a nome di Abi Professional. Quando vedi l’organizzazione di concorsi importanti come quello che faremo insieme al noto cantante Al Bano Carrisi. Quando vedi un Ufficio Stampa sempre attivo ad organizzare serate interessanti libere a tutti, sempre pronto a diffondere la voce dei nostri soci nelle forme più disparate. Quando vedi tutto questo, cosa si può volere di più? Questo è vero spirito associativo.


HOME  >  PROFESSIONI  >  BARMAN  >  Abi Professional, fine mandato. Ma lo spirito associativo cresce – Italia a Tavola

Leave a Reply